4 - Il viaggio di Liskow





Nell’ottobre 1942, mentre i tedeschi minacciavano la capitale sovietica, gli alloggi del Comintern a Mosca vennero spostati per sicurezza ad Ufa, in Bashiria.

I membri del Comintern avrebbero dovuto occuparsi, facendo opera di proselitismo, delle migliaia di prigionieri di guerra tedeschi obbligati a lavorare nei campi.

Liskow, insieme ad altri,  intraprese un viaggio lungo e difficoltoso viaggio che durò quasi due mesi. Uno dei suoi compagni redisse un rapporto per il NKDV che giornalista russo Igor Petrov ha ritrovato. L’estensore del rapporto è Semaun, Presidente del Partito Comunista d'Indonesia.
 
 
Dirigenti del Partito Comunista Indonesiano. 
Probabilmente uno di loro è  Semaun.




“Ho incontrato Liskow a Gorky il 20 ottobre 1941, durante l'evacuazione da Mosca, e ho viaggiato  insieme a lui per quasi due mesi in una colonna diretta a Ufa.”
“La personalità di Liskow è un nodo di contraddizioni. Ha scritto poesie e parla della filosofia, ha una profonda conoscenza delle opere di Nietzsche, ma parecchie sue idee e comportamenti sono sconcertanti.”
“Una volta l'automobile in cui viaggiavamo  si era bloccata, ed è stato necessario uscire per spingerla. È  stato difficile ottenere il suo aiuto, a suo parere la macchina si era bloccata  per il suo tormento.”
“Liskow asserisce che la storia è una lotta tra il forte e il debole per l'esistenza. La morte del debole  è un fattore di progresso. “
“Considera gli ebrei predatori che cercano di dominare il mondo. Crede che gli ebrei hanno una psicologia speculativa…  Karl Marx, a suo parere, è stato un ebreo intelligente… Secondo lui l'esercito tedesco non è in realtà così forte, ma l'Armata Rossa viene sconfitta perché è guidata dagli ebrei."
“Liskow si comportava come un cafone… Durante il viaggio i sono stati due casi in cui ha mangiato tutto in una volta  un chilo di burro che abbiamo comprato sulla strada. Molto spesso le persone si lamentano del suo comportamento. In un villaggio è capitato che si è alzato di notte (c'era  molto freddo in camera) ed è andato a dormire in un letto in un'altra stanza, dove dormiva una donna con un bambino. La donna era spaventata e piangeva. Poi ha spiegato che il letto era vicino alla stufa.”
“In un villaggio, mi ha proposto di rubare un pollo e cuocerlo; gli ha detto che non possiamo farlo, che così fanno i soldati tedeschi, e ha cominciò a protestare. Il suo è un  comportamento maleducato”.
“Una volta si mise a letto e prese tutte e quattro le coperte che erano disponibili per tutti. Un'altra volta voleva prendere gli stivali alla padrona di casa, dove eravamo alloggiati, ed è stato uno scandalo. Dice spesso il popolo russo è arretrato ed è diventato disilluso nei confronti dell'Unione Sovietica”
“Dopo un soggiorno con lui di  due mesi, a mio parere, la motivazione della sua diserzione è stata l'arrivismo personale. C'è una possibilità che sia in contatto con l'organizzazione nazista.”

I sospetti di Semaun convincono il NKVD. Ecco il testo di un telegramma spedito dall’agente  Trifonov:

“Liskow è senza dubbio un fascista e antisemita. Forse ci è stato inviato dai tedeschi con una missione speciale.”

Chissà in che lingua parlavano Liskow, Seuman e gli altri. Probabilmente un un miscuglio di russo elementare pieno di termini ideologici, complicato dalle molteplicità di pronunzie e accenti esotici. Chissà cosa si sono detti, e chissà cosa hanno capito.
Lishow mi da l’impressione di qualcuno in realtà poco preparato culturalmente e politicamente: dopotutto  è un operaio comunista vissuto negli ultimi anni nella Germania nazista, senza contatti significativi con nessuno. Credo che Lishow  cercasse di darsi un tono con teorie apprese per sentito dire. È naturale che l’antisemitismo sia presente nelle opinioni, in fondo non aveva sentito parlare d’altro negli ultimi anni in Germania.
Con le sue stramberie, con il suo essere provocatorio e “su di giri”, Liskow sembra in uno stato ipomaniacale o francamente maniacale. Uso questi termini per quello che significano in ambito psichiatrico, dove maniacale non ha nessun significato spregiativo ma significa una sindrome che è l’opposto della depressione, cioè un disturbo dell’umore con eccessiva elevazione del livello di felicità percepita, maggiore attivazione e fiducia in se stessi, a livelli patologici. Quasi sempre non si tratta di solo stato maniacale, ma  anche di stati depressivi che si alternano a momenti maniacali.
La descrizione di Semaun fa quasi ridere, Liskow sembra il Panurge descritto da Rabelais.  
***
Il 15 gennaio 1942 a Ufa Liskow venne arrestato "per la diffusione di menzogne calunniose nei confronti dei capi del Comintern”.
Il giornalista Irek Sabitov  ha chiesto di Liskow  all'FSB ( servizi segreti russi attuali ) della città di Ufa  e ha ricevuto la seguente precisazione:
“Sotto inchiesta Liskow avrebbe dimostrato segni di sofferenza mentale. Assolto e riabilitato sarebbe stato mandato a Novosibirsk, "dove alla fine del 1943 - inizio del 1944 è scomparso."
In un archivio della Repubblica del Bashkortostan si legge che Liskow fu riabilitato il  16 luglio, 1942. Alcuni pensano che si tratti di una riabilitazione postuma,  e che Liskow sia stato giustiziato subito dopo l'arresto.
Francamente non mi risulta difficile pensare che lo abbiano subito ucciso, ma mi risulta difficile pensare che, nel momento più tragico della seconda guerra mondiale, si siano presi la briga di una riabilitazione postuma.
Mi sembra più probabile che sia stato rilasciato e abbia continuato il suo viaggio.


Novosibirsk 1940



Cosa lo attendeva a Novosibirsk?  Una nota in un blog osserva che c'era un unico posto a Novosibirsk dove Liskow nel 1942 poteva servire a qualcosa: il campo di addestramento delle truppe speciali, dove si formavano gli incursori russi, gli operatori radio, le spie. Un istruttore madre lingua tedesco poteva essere prezioso. 
Nel Comintern Liskow aveva procurato guai, non restava che utilizzarlo in altro modo.
Questo potrebbe spiegare le incertezze sul suo grado militare di Liskow riportato da varie fonti:  perché si parla di sergente maggiore quando nelle foto ha i gradi di caporale dell'esercito tedesco?
Forse Liskow fu davvero sergente maggiore, ma dell’esercito russo.
Ho accennato alle voci sulla morte di Liskoew in Prussia nel 1944. Se pure Liskow morì in Prussia non accadde nel 1944, ma nei primi mesi del 1945, perché solo allora vi giunsero le truppe russe. Però la sua sparizione da Novosibirsk nel 1944 potrebbe essere dovuta al fatto che venne aggregato come interprete a un reparto dell’Armata Rossa  in procinto di invadere la Prussia e successivamente la Germania.
Alcuni rifugiati tedeschi furono arruolati nell’Armata Rossa, generalmente come interpreti. Per esempio il regista Konrad Wolf  partecipò alla conquista di Berlino.

Truppe speciali russe in addestramento.




Un’informazione interessante, ma non verificata, si trova  nel libro  "Die Rote Kapelle und andere Geheimdienstmythen: Spionage zwischen Deutschland und Rußland im Zweiten Weltkrieg 1941-1945” di Helmut Roewer.

 



Il libro si occupa dello spionaggio sovietico e della resistenza antinazista tedesca durante la seconda guerra mondiale. 


“Nel 1960 Georg Schmidt-Scheeder, un giornalista di "Stern", che aveva  partecipato alla guerra sul fronte orientale come corrispondente di guerra, si mise  sulle sue tracce di Liskow; riuscì a rintracciarne la sorella ma non Liskow. Successivamente Schmidt-Scheeder riportò una notizia, pur considerandola probabilmente falsa: Alfred Liskow sarebbe stato presente a Mosca in Tribuna d'onore durante la parata per il 20° anniversario della fine della seconda guerra mondiale, nel 1965.”
 
...precedente             continua...

Cefalù, Marzo 2017
Marco Bonafede
proprietà letteraria riservata


Nessun commento:

Posta un commento